Controcorrente il Codacons su Francesco Tott

TOTTI: TUTTO TORNA?
PUBBLICITA’ AL GIOCO D’AZZARDO? NON POTEVA CHE CAPITARE QUALCOSA DI NEGATIVO
GIOCA, NON GIOCARTI. I DATI DELLA LUDOPATIA IN ITALIA
Controcorrente il Codacons su Francesco Totti, dopo la notizia circa il suo addio ufficiale alla Roma.
“Mentre da più parti si stracciano le vesti per la decisione dell’ex Capitano della Roma, dal canto nostro siamo certi che non rimpiangeremo il suo addio alla società – spiega il Codacons – Le doti sportive di Totti sono innegabili, ma un campione lo si riconosce non tanto per le sue imprese sul campo, quanto per le azioni di cui si rende protagonista fuori dai campi da gioco. In tal senso Francesco Totti, che ha fatto per anni da testimonial al gioco d’azzardo attraverso una serie di spot televisivi, non ha reso un gran servizio al paese e di certo non ha aiutato la lotta alla ludopatia. Al contrario la sua decisione di sponsorizzare i giochi ha spinto migliaia di cittadini specie giovani ad avvicinarsi all’azzardo, con tutte le conseguenze sociali e sanitarie del caso” – aggiunge l’associazione.
I dati più recenti dicono che nel 2017 gli italiani hanno giocato 101,8 miliardi di euro, facendo registrare una crescita di 5 miliardi rispetto al 2016. Un aumento comunque contenuto se pensiamo alla crescita esponenziale del decennio precedente: nel 2006, la somma giocata annualmente dai cittadini italiani era di poco inferiore ai 35 miliardi. L’Italia detiene il primato europeo per quanto concerne il tasso di slot machine per abitante: sono una ogni 151 cittadini, nettamente di più rispetto a Spagna (una ogni 245) e Germania (una ogni 261).
Sempre nel 2017, 17 milioni di italiani (il 42,8% della popolazione fra i 15 e i 64 anni) hanno giocato almeno una volta. Sono 7 milioni in più rispetto al 2014, solo tre anni prima. Di questi, più di un milione sono giovani tra i 15 e i 19 anni, ossia il 36,9% di quella fascia d’età (in calo rispetto al 47,1% del 2014); i ragazzi giocano con frequenza maggiore rispetto alle ragazze. Un ulteriore dato allarmante è quello riferito ai bambini tra i 7 e i 9 anni: 400 mila sarebbero già stati iniziati almeno una volta – da genitori, parenti o amici – al gioco (slot machine, gratta e vinci, scommesse sportive, ecc.).
Per tale motivo il Codacons non rimpiangerà il ruolo di Totti nella Roma e anzi ritiene una buona notizia l’addio dell’ex capitano alla società di calcio
Precedente IL VERO COSTO DELLA “FAST FASHION” IN MOSTRA A MILANO  Successivo Esenzioni ticket per malattie croniche e rare valide fino al 30 settembre

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.